Cassetta postale: cosa prevede la legge?

La cassetta postale è un elemento imprescindibile che ci consente di ricevere e custodire la nostra corrispondenza in maniera sicura e discreta, anche in nostra assenza. Non si tratta di un semplice arredo o componente esterno che si può installare in maniera facoltativa, ma al contrario la sua presenza è prevista dalla legge.

In particolar modo, ci sono alcune cose che la normativa prevede relativamente alle cassette della posta, siano esse da interno o da esterno, condominiali o aziendali, le quali devono necessariamente rispettarle.

Vediamo allora cosa prevede la legge relativamente alle cassette postali e quali requisiti queste devono soddisfare secondo la normativa vigente.

Dove va collocata la cassetta postale?

A determinare quella che deve essere la corretta ubicazione di una cassetta postale è il Decreto 9/2001 del Ministero Delle Comunicazioni, il quale prevede che la bacheca postale debba essere collocata in maniera tale che il portalettere possa raggiungerla facilmente.

Dunque l’accessibilità è una delle prime cose sulla quale la legge pone l’accento, per fare in modo che il lavoro di chi deve consegnare corrispondenza o pacchi possa essere il più semplice e rapido possibile. Il luogo ideale è il piano stradale,  e dunque la classica cassetta della posta per esterni,  così che il postino non debba essere costretto ogni volta a richiedere ad un residente di poterlo accompagnare per accedere all’androne in cui è presente la buca delle lettere.

Identificativo della singola cassetta

Per fare in modo da rendere perfettamente identificabile una cassetta della posta,  è necessario che su ciascuna di esse venga applicato il cognome delle persone che vi dimorano,  così che il portalettere possa sempre avere la certezza di stare consegnando la corrispondenza alla persona giusta. Nel caso in cui il cognome non sia chiaro,  o se questo è direttamente mancante,  il portalettere non potrà consegnare la corrispondenza e dunque per questo motivo riporterà indietro la stessa presso l’ufficio postale.

Caratteristiche tecniche

Ci sono poi una serie di caratteristiche cui i produttori devono adeguarsi,  soprattutto per quel che riguarda le dimensioni. La feritoia ad esempio deve avere una dimensione minima pari a 325 x 30 mm, mentre le misure minime previste sono di 229 x 324 mm. La profondità minima della cassetta deve essere di 100 mm e l’altezza minima dello spazio riparato dal dispositivo anti prelievo deve essere di 40 mm.

Proprio il dispositivo anti prelievo deve essere sempre presente per impedire ad eventuali malintenzionati di poter sottrarre la corrispondenza. Infine la legge prevede che la cassetta della posta debba essere perfettamente in grado di resistere alle intemperie e che lo sportello abbia una resistenza adeguata per proteggere da eventuali tentativi di scasso ciò che contiene. Inoltre una cassetta della posta non deve presentare alcun tipo di spigolo vivo per evitare che il portalettere, le persone di passaggio o lo stesso utilizzatore possano farsi male.

Per quel che riguarda l’aspetto esteriore, il design prescelto non deve andare ad alterare il decoro dell’ambiente in cui la cassetta viene inserita ma al contrario arricchirlo, e ciò è possibile grazie ai tantissimi modelli oggi a disposizione.

La manutenzione della cassetta

Nel caso di cassetta postale condominiale, i costi relativi alla manutenzione della singola cassetta riguardano il condomino interessato. Nel caso invece in cui la manutenzione riguardi l’intera cassetta postale, allora il costo è da suddividere in maniera uguale tra tutti i condomini. La cassetta postale è infatti da intendersi come un elemento che appartiene ad un singolo condomino, che ha il compito di provvedere ad una adeguata manutenzione e rendere sempre perfettamente identificabile la propria cassetta mediante l’apposizione del cognome.