Italiani e risparmio: cosa cambia dopo il Covid

Il peggio sembra essere passato, e la minaccia del Covid, per quanto ancora presente, si è ridotta, inducendo il 54% degli italiani a pensare l’emergenza sanitaria sia prossima alla fine. E questo induce ad ampliare le proprie prospettive economiche verso un orizzonte a medio termine. In occasione della 97° Giornata Mondiale del Risparmio, è stata presentata la 21° edizione dell’indagine Acri-Ipsos Gli Italiani e il Risparmio, che delinea il livello di soddisfazione per la propria situazione economica e il proprio tenore di vita, l’atteggiamento e la propensione verso il risparmio, evidenziando i cambiamenti rispetto all’anno passato.

Risparmio o sacrificio?

L’indagine conferma l’evidenza colta lo scorso anno: accanto a una quota di italiani in grado di resistere alle difficoltà (38%), con una situazione economica in miglioramento (13%), persiste una quota non trascurabile, e in crescita, che ha esaurito o è prossima a esaurire le risorse a propria disposizione, sottolineando gravi mancanze (49% vs. 47% nel 2020). Rimane però molto alta la percentuale di italiani che sono riusciti ad accumulare risparmi negli ultimi 12 mesi, e che lo hanno fatto con tranquillità (45%) guardando soprattutto al futuro. Al contempo, rispetto al 2020 è tornato a risalire il numero di famiglie che ha fatto ricorso a risorse proprie o a prestiti (19% vs. 16% nel 2020), descrivendo una situazione che ha portato ad associare il risparmio a un senso di sacrificio.

Risparmio privato e senso di compartecipazione allo sviluppo sociale

Rispetto al 2020 gli aiuti europei e il PNRR, e la fiducia nel Governo e nel suo operato portano il 40% degli italiani a intravedere prospettive di miglioramento nei prossimi anni. Il cambio di scenario contribuisce a far maturare la consapevolezza del legame esistente tra risparmio privato e rafforzamento del senso di compartecipazione allo sviluppo sociale e civile (fondamentale per il 79% degli italiani vs. 77% nel 2020). Le direttrici lungo cui agire per rendere proficuo questo legame sono la formazione, attraverso cui dare spazio e creare occasioni per la realizzazione professionale dei giovani e per riqualificare i lavoratori (61%,), il welfare, per sostenere le fasce più deboli della popolazione (62%), e la competitività, che non può prescindere da un percorso dettato dalla transizione ecologica verso modelli di sviluppo sostenibili (64%).

La necessità di un modello inclusivo che ‘non lasci indietro nessuno’

È quindi forte e condivisa la necessità di un modello inclusivo che ‘non lasci indietro nessuno’ nel recupero sociale. L’uscita dall’emergenza sanitaria rischia infatti di allargare la forbice tra chi sta meglio e chi invece è in difficoltà. In questo contesto, cresce l’interesse per il ruolo del non profit (per il 53% è fondamentale o importante), e più in generale, dei corpi intermedi (per il 39% è fondamentale o importante), che aiutano a intercettare le criticità e a trovare soluzioni per affrontare i problemi di oggi e scongiurare quelli che verranno.

Cybersecurity, in Italia 903 attacchi settimanali alle aziende

Nel 2021 in Italia vengono colpite da ransomware ogni settimana l’1,9% delle organizzazioni, mentre in tutto il mondo gli attacchi informatici verso le aziende sono cresciuti del 40% in un anno. Sempre a livello globale nel 2021 in media un’azienda su 61 viene colpita una volta a settimana da attacchi ransomware, con un incremento del 9% rispetto al 2020. Secondo il rapporto diffuso da Check Point Research, divisione Threat Intelligence di Check Point Software Technologies, se l’Africa è l’area maggiormente presa di mira l’Europa e il Nord America sono alle prese con il più grande aumento del numero di attacchi tra il 2020 e il 2021. In generale, i settori che hanno visto il maggior numero di attacchi informatici sono l’istruzione e la ricerca, la PA e l’esercito, e la sanità, riporta Ansa.

Numeri raddoppiati rispetto a marzo 2020

La percentuale di cyberattacchi verso le organizzazioni italiane del 36%, rispetto al 2020 settimanalmente le aziende italiane subiscono mediamente 903 attacchi informatici. A livello globale, dopo una piccola diminuzione nelle settimane precedenti, da marzo 2020, si è verificato un significativo aumento nel numero medio settimanale degli attacchi registrati dalle aziende e a settembre 2021 il numero medio di attacchi settimanali registrato da ogni azienda ha raggiunto il picco con oltre 870 attacchi. Questo numero è più del doppio rispetto a quello di marzo 2020.
Le aziende in Africa finora hanno registrato il più alto volume di attacchi nel 2021, con una media di 1615 attacchi alla settimana per azienda. Questo rappresenta un incremento del 15% rispetto al 2020.

I settori più colpiti

I settori che vedono il maggior numero di attacchi informatici sono l’istruzione/ricerca, con una media di 1468 attacchi alla settimana per organizzazione, e un incremento del 60% rispetto al 2020, la pubblica amministrazione/esercito, con 1802 e un incremento del 40%, e la sanità con 752 e un incremento del 55%. Il settore ISP/MSP è quello più colpito dal ransomware quest’anno. Il numero medio settimanale di organizzazioni colpite in questo settore nel 2021 è 1 su 36, con un incremento del 32% rispetto al 2020. La sanità è al secondo posto, con un’organizzazione colpita su 44 (incremento del 39%), seguita dai vendor di software al terzo posto, con 1 organizzazione su 5 2e un incremento del 21%.

Il tipo di malware più utilizzato è la botnet

La regione APAC vede il più elevato volume di tentativi di attacchi ransomware, con un’organizzazione su 34 colpite ogni settimana nel 2021 (-10% rispetto al 2020). Il tipo di malware che ha colpito maggiormente le aziende, riporta Data Manager Online, è la botnet, con una media dell’8% delle organizzazioni colpite settimanalmente, e un decremento del 9% rispetto allo scorso anno. Al secondo posto il banking malware (4,6% delle organizzazioni e incremento del 26%) e i cryptominer (4,2% delle organizzazioni e incremento del 22%).

Italia ottimista sulle prospettive future

A settembre 2021 non sono solo le vittorie nello sport, dal campionato europeo di calcio alle Olimpiadi e il tennis, ma soprattutto la ripartenza del Pil che rende ottimisti sulle prospettive future. Questo, nonostante le polemiche “no vax” e le incertezze che permangono nel quadro sanitario. Nell’ultimo trimestre il PiL è cresciuto infatti del 2,7%, proiettando al rialzo le aspettative di chiusura dell’anno.
A inizio 2021 il Fondo Monetario Internazionale stimava una crescita 2021 per l’Italia del 4,2%, mentre a luglio la stima è diventata 4,9%.
La stima Istat è invece passata da 4,0% a 4,7%, quella di The European House – Ambrosetti da 4,0% a 4,9%, quella della Commissione Europea è passata da 3,4% a 5,0% e quella della Banca d’Italia da 3,5% a 5,1%.

Rispetto a settembre 2020 siamo in “un’era geologica” diversa

Per misurare la fiducia delle imprese, The European House – Ambrosetti, a partire dal 2014 ha sviluppato un indicatore che misura la situazione attuale del business, le prospettive del business a sei mesi, le prospettive dell’occupazione e sempre a sei mesi le prospettive degli investimenti. Ogni misurazione va da una scala da -100 a 100, dove -100 è il valore che indica il massimo pessimismo e 100 il valore associato al massimo ottimismo. E secondo l’indicatore la fiducia attuale delle imprese è al massimo storico, a 70,6, più del doppio della valutazione di giugno (30,2). Rispetto al settembre 2020, quando l’Indicator era pari a -21,1, siamo in “un’era geologica” diversa. Un’accelerazione di ottimismo simile non l’avevamo mai registrata prima.

Anche la prospettiva sugli investimenti registra un record storico

Le aspettative legate alla situazione occupazionale rilevate nell’Ambrosetti Club Economic Indicator restano positive (40,5), sugli stessi livelli della precedente rilevazione, ma comunque su valori molto elevati, non solo rispetto al periodo pandemico, ma anche rispetto agli anni precedenti. Ma anche la prospettiva sugli investimenti delle imprese registra il proprio record storico (62,7). È chiaro che i problemi ci sono, e che gli strascichi della crisi del 2020 non spariscono da un anno con l’altro. Nel 2020 più di due milioni di famiglie, il 7,7% del totale, risultavano in povertà assoluta, partendo dal 6,4% del 2019.

L’arrivo del Next Generation EU dà l’avvio al nostro PNRR

I 22,3 milioni di occupati, ad aprile 2021, sono sicuramente un valore in crescita rispetto ai mesi precedenti (+0,6% rispetto ad aprile), ma sono comunque un milione in meno rispetto agli occupati ad aprile 2019. Ma l’arrivo del prefinanziamento di Next Generation EU dà materialmente l’avvio al nostro Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Questa è la partita sulla quale si giocano le possibilità di rimanere agganciati alle economie più avanzate. E la collaborazione fra istituzioni, imprese e parti sociali è cruciale.

Dallo smart working alle flessibilità: come è cambiato il lavoro e quali le prospettive post Covid

Come è cambiato il modo di lavorare nel mondo dopo la pandemia di Covid-19? E cosa resterà dei tanti sconvolgimenti che tutti abbiamo vissuto anche sul piano professionale negli ultimi mesi? Ancora, lo smart working, mai così praticato come nell’ultimo anno e mezzo, resisterà al ritorno alla normalità oppure si farà marcia indietro verso modalità di lavoro più “classiche”? A questi e a molti altri quesiti ha risposto il nuovo sondaggio Ipsos, condotto in collaborazione con il World Economic Forum in 29 Paesi, che ha indagato come la pandemia da Covid-19 abbia influenzato le modalità di lavoro, qual è la situazione attuale dei lavoratori e quali le prospettive future. 

L’impatto dello smart working nel mondo…

In media, a livello internazionale, il 23% degli intervistati dichiara di lavorare da casa in misura maggiore rispetto a prima della pandemia. Percentuale leggermente più bassa in Italia, in cui il 18% dei lavoratori  dichiara di lavorare più da casa, il 73% non ha notato nessun cambiamento e il 9% continua a lavorare meno da casa rispetto al periodo precedente alla pandemia. Prima che la pandemia scoppiasse, il 53% degli intervistati a livello internazionale ha dichiarato di aver sempre lavorato in ufficio lontano da casa; percentuale che si attualmente si è ridotta al 39%. 

… e in Italia

In Italia, prima dello scoppio del Covid-19, il 56% dei lavoratori ha dichiarato di aver sempre lavorato in ufficio lontano da casa, il 15% ha sempre operato lontano da casa ma non in ufficio, il 14% ha sempre svolto le proprie mansioni da casa, infine, il restante 14% ha sempre lavorato da casa e qualche volta lontano dalla propria abitazione. E ora come stanno lavorando gli italiani? Il 48% è ritornato in ufficio, il 16% lavora lontano da casa ma non in ufficio, il 21% svolge i suoi compiti da casa, mentre il 15% lavora qualche volta a casa e qualche volta lontano da casa. Inoltre, quando la pandemia sarà davvero finita, gli italiani in che modalità preferiranno ritornare a lavorare? Il 33% vorrebbe lavorare completamente da casa, il 12% lavorerebbe da casa come sta facendo tutt’ora, il 28% preferirebbe svolgere le proprie mansioni, completamente, lontano da casa meno di come stia già facendo, il 9% non sa esprimersi in merito e infine il 17% ha dichiarato che il lavoro che svolge non gli consente la possibilità di scegliere la modalità che preferisce.

Obiettivo flessibilità 

Lo smart working ha anche introdotto il concetto di flessibilità nella giornata lavorativa degli italiani. Un aspetto positivo che non si vuole abbandonare: in media, il 28% degli intervistati a livello internazionale è fortemente d’accordo con una maggior flessibilità da parte dei propri datori di lavoro, condiviso anche dal 34% degli italiani. Ne consegue che, con più tempo e maggiore comfort, le persone possano essere più produttive con un orario di lavoro flessibile: il 29% degli intervistati a livello internazionale e il 27% degli italiani sono pienamente d’accordo. 

Gli italiani si dividono fra Video on demand e Tv

Le lunghe settimane in lockdown hanno contribuito sensibilmente a un cambio di abitudini nei confronti dei diversi media, da quelle più tradizionali come la Tv a quelli più innovativi come i Video on demand (Vod). La riprova ne è la rilevazione effettuata da GFK Sinottica, che analizza l’andamento della fruizione dei diversi mezzi dal marzo 2020. Si scopre così che negli ultimi due anni l’utilizzo delle piattaforme Over-The-Top è cresciuto in maniera significativa: nel primo trimestre del 2021, in un giorno medio, circa un quarto della popolazione ha fruito di contenuti Vod. In crescita anche il tempo medio dedicato a questo tipo di contenuti. In generale, la pandemia ha favorito tutti i media fruibili da casa, con una crescita della Total Audience di quasi 1 milione di persone rispetto al 2018 per Vod e TV lineare.

Più tempo davanti agli schermi

Anche se le restrizioni si sono via via allentate, gli italiani si sono appassionati ai contenuti video, tanto che è aumentato il tempo medio trascorso davanti allo schermo. In particolare, aumentano le ore passate a guardare i contenuti disponibili sulle piattaforme OTT. Nella giornata media si è passati dai circa 100 minuti al giorno dedicati nella fase pre-pandemica alle 2 ore circa registrate nel primo trimestre 2021.

Una tendenza destinata a durare

Per quanto riguarda l’andamento della fruizione di Video on demand, l’analisi mostra che in pochissimo tempo – da marzo 2020 – si è passati da una Reach media giornaliera del 16% sul totale della popolazione con più di 14 anni ad una del 26% ad aprile 2020. La percentuale di fruitori di contenuti Video on Demand nel giorno medio è scesa durante l’estate 2020 per poi registrare un nuovo picco nell’ultimo trimestre del 2020. A gennaio 2021 la percentuale di italiani esposti al VOD corrispondeva nuovamente a circa un quarto della popolazione con più di 14 anni e si è mantenuta su questi livelli fino a marzo 2021. Si può dire quindi che si tratta di una tendenza destinata a durare nel tempo, anche oltre la situazione di emergenza sanitaria.

Per i Vod utenza più giovane

Anche se Tv lineare e piattaforme video si rivelano non concorrenti ma piuttosto complementari, è anche vero che la Tv ha registrato un leggero calo negli ultimi mesi.  Si è ridotta cioè la percentuale di chi utilizza in maniera esclusiva la TV lineare. Si tratta principalmente di persone appartenenti alle fasce più mature della popolazione (dai 55 anni in più), che devono ancora familiarizzare con le piattaforme OTT. Al contrario, tra i fruitori di Video on Demand  troviamo principalmente giovani con meno di 35 anni.

Flessibilità è la parola chiave del futuro

È flessibilità la parola chiave del futuro per 8 professionisti italiani su 10. Lo evidenzia il secondo sondaggio di DoveVivo Lab, che ha intervistato i lavoratori italiani per verificare come hanno affrontato lo smart working durante la pandemia e indagare quali sono le loro aspettative per il futuro. DoveVivo Lab è l’osservatorio che indaga le tendenze e lo stile di vita della community internazionale di studenti e giovani lavoratori di DoveVivo, la coliving company europea presente in 14 città. In particolare, secondo più della metà dei professionisti intervistati si tornerà a lavorare stabilmente in ufficio, tanto che il 67% dichiara che una volta che la pandemia sarà finita si ricomincerà a lavorare in presenza. 

Per il 18% degli intervistati lo smart working sparirà completamente

Se per il 18% degli intervistati lo smart working sparirà completamente, lasciando il posto a una settimana in ufficio 5 giorni su 5, il 33% dichiara invece di immaginare un futuro in cui lo smart working rimarrà un’abitudine stabile, con almeno 3 giorni a settimana in cui sarà possibile lavorare da casa.
Quanto alle preferenze, però, emerge una situazione molto diversa: la parola chiave più amata dai professionisti è appunto flessibilità. Il 80% di loro dichiara infatti che vorrebbe andare in ufficio 1 o 2 volte a settimana, oppure vorrebbe poter scegliere se fare smart working giorno per giorno. Il restante 20% invece vorrebbe tornare in ufficio tutti i giorni.

Gestire il tempo in modo diverso è l’aspetto più apprezzato dello smart working

Generalmente positiva, in ogni caso, è l’esperienza con le riunioni da casa per 7 lavoratori su 10. Il 50% dichiara di aver capito che lo smart working è efficace come il lavoro in presenza, mentre il 31% lamenta una comunicazione poco empatica attraverso lo schermo del pc e la difficoltà nel riuscire a trovare il tempo per fissare le riunioni. La possibilità di gestire il tempo in maniera differente è l’aspetto più apprezzato dello smart working: il 51% dei lavoratori ha dichiarato, infatti, di essere riuscito a trasformare il tragitto casa-ufficio in tempo dedicato alle passioni. La comodità della casa, invece, ha permesso al 24% di lavorare meglio. Il 19% poi ha apprezzato la possibilità di aver potuto condividere più tempo con la famiglia, o la presenza di coinquilini o partner (6%).

A casa si lavora più del solito, e sono mancati i viaggi di lavoro

Ma lo smart working ha generato anche difficoltà. Secondo il 32% si è sentita la mancanza delle occasioni di viaggiare, conoscere nuovi colleghi e lanciare progetti. Aspetto altrettanto negativo (31%) la difficoltà di separare la giornata lavorativa dalla vita privata, mentre secondo il 19% l’aspetto peggiore è stato l’isolamento, e il 18% non ha gradito la scomodità della ‘postazione lavorativa domestica’. Nonostante la possibilità di avere più tempo a disposizione il 21% ha dichiarato di aver lavorato ancora più del solito. Il 58%, però, ha affermato di aver dedicato il tempo guadagnato a interessi personali e affetti, mentre il 21% si è reso conto dell’importanza dell’aggiornamento professionale e ha colto l’occasione per partecipare a corsi di formazione.

In vacanza con cane gatto, i consigli per un’estate serena (per tutti)

Sono tante le famiglie che hanno adottato un amico a quattro zampe durante il periodo di pandemia, e l’estate 2021 per loro potrebbe essere la prima esperienza di viaggio e di vacanza in una località turistica con un cane o con un gatto. Che sia al mare, al lago o in montagna, la Dottoressa Sabrina Giussani, Medico Veterinario esperto in comportamento animale e presidente senior di S.I.S.C.A. (Società Italiana Scienze del Comportamento Animale) ha elaborato qualche consiglio utile pensato per chi trascorrerà le vacanze insieme a il cane oppure a al gatto per la prima volta. Questo per fare in modo che le vacanze siano un momento speciale per essere felici insieme.

Quando si parte con il cane…

…è meglio scegliere una località dove sia agevole fare passeggiate e con aree verdi nelle vicinanze. Oltre al libretto sanitario, occorre ricordare di portare il suo cibo, le sue ciotole, i suoi giochi ecc. Senza dimenticare la museruola. Arrivati a destinazione, sistemare subito l’alloggio in modo che il cane abbia tutte le sue risorse a disposizione. Importante l’uso dei feromoni, che inviano un messaggio naturale di calma e serenità. Nei primi giorni, va poi evitato di lasciarlo completamente solo. Nei primi giorni, via libera a passeggiate esplorative nei dintorni, mappare insieme il territorio, trovare percorsi piacevoli, ma niente escursioni impegnative, soprattutto se il cane è poco allenato. E se durante la vacanza si verificano momenti in cui deve restare da solo meglio lasciare una luce accesa, la ciotola dell’acqua fresca, e giocattoli a disposizione.

Viaggiare con il gatto

Quando invece si viaggia con un gatto, è molto più rilevante della scelta della tipologia di destinazione. Una buona opzione è un appartamento/residence al secondo o terzo piano, con balcone o terrazza. Importante verificare, soprattutto per località calde, la presenza dell’aria condizionata. Anche in questo caso portare il cibo abituale, le sue ciotole, i giochi che preferisce, le cuccette, il tiragraffi e la cassetta igienica. Non dimenticare il libretto sanitario e i prodotti di salute e igiene di uso abituale, e gli antiparassitari.
Arrivati nella nuova dimora, meglio allestire subito una sistemazione di accoglienza, con tutte le sue “cose”, in un ambiente unico, ad esempio la camera da letto.

Gli errori da evitare per non rendere stressante il soggiorno

Ci sono comportamenti che messi in atto in modo inconsapevole possono causare disagio nel nostro amico a quattro zampe e trasformare la vacanza in uno stress.
“L’errore più comune è sottoporre il cane o il gatto a un eccesso di stimoli: troppe persone, troppi rumori, tanti cani, troppi cambiamenti, ad esempio chi cambia più alberghi… tutto troppo e troppo velocemente – piega la Dottoressa Giussani -. Questo può rendere la vacanza difficile da gestire, causando nel cane difficoltà a uscire in passeggiata, o nel gatto la tendenza a nascondersi per lungo tempo”. Evitare quindi di forzare il cane o il gatto a esplorare tutte le stanze appena arrivato nella nuova casa, o lasciare il cane da solo per lungo tempo appena arrivati. Oppure, liberare il gatto lasciando andare all’esterno in un luogo che non conosce.

“Vola” il clima di fiducia di cittadini e imprese: i dati Istat di giugno

I cittadini vedono rosa, così come le aziende. Anzi, per alcune categorie di queste ultime – come l’industria e i servizi di mercato – l’indice del clima fiducia torna a volare alto, addirittura sopra i livelli pre crisi. Insomma, l’ottimismo è alle stelle, come non lo era più stato dall’ormai lontano 2018.  Lo rileva l’Istat, che per il mese di giugno parla di “aumento significativo” dell’indice del clima di fiducia dei consumatori (da 110,6 a 115,1) e dell’indice complessivo del clima di fiducia delle imprese (da 107,3 a 112,8). L’Istituto di Statistica precisa che l’indice di fiducia dei consumatori, che è aumentato per il terzo mese consecutivo, ha superato il livello di febbraio 2020, fissando il livello più alto da ottobre 2018. Tutte le componenti dell’indice di fiducia dei consumatori crescono, seppur con intensità diverse: il clima economico e il clima attuale hanno registrato la crescita più decisa (rispettivamente da 116,2 a 126,9 e da 102,6 a 108,1); le dinamiche riferite al sentiment della vita personale e quelle del futuro sono invece più caute (a prima passa da 108,7 a 111,1, la seconda da 122,5 a 125,5).

Le aziende più ottimiste? Quelle di manifattura e servizi

L’Istat stima un deciso aumento del clima di fiducia soprattutto nel settore manifatturiero e dei servizi. Per quanto riguarda le imprese, si segnala un forte miglioramento da parte nell’industria manifatturiera, che passa da 110,9 a 114,8, mentre i servizi di mercato da 99,1 a 106,7. Il commercio al dettaglio il balzo in avanti del clima di fiducia va da  da 99,9 a 106,7. Solo nel settore delle costruzioni l’indice di fiducia scende leggermente, da 153,9 a 153,6. Nell’industria manifatturiera, la valutazione degli ordini e le aspettative di produzione sono migliorate; rispetto al mese precedente, le scorte sono giudicate in leggero accumulo. Per quanto riguarda le costruzioni, migliorano i giudizi sul livello degli ordini, mentre calano le aspettative occupazionali da parte delle aziende. Scende invece in maniera significativa l’indice del clima di fiducia del settore dell’ingegneria civile. Nei servizi di mercato, virano in positivo tutti i saldi di tutte le componente dell’indice, così come è in deciso miglioramento il clima di fiducia nei settori dei trasporti e dello magazzinaggio. Diminuisce leggermente, invece,  la fiducia nel comparto del turismo e nei servizi alle imprese. 

Bene le vendite al dettaglio

Per quanto concerne le vendite al dettaglio, infine, l’aumento dell’indice è dovuto al miglioramento dei giudizi su vendite e scorte, anche se calano le aspettative di vendita.  “il clima di fiducia delle imprese migliora – è il commento dell’Istat – consolidando la tendenza positiva in atto da dicembre 2020. Con riferimento al comparto dell’industria e a quello dei servizi di mercato, il livello degli indici supera marcatamente quelli precedenti la crisi; per il commercio al dettaglio l’indice si attesta leggermente al di sotto del valore registrato a febbraio 2020”.

L’Intelligenza artificiale è meglio di un politico “vero”

Meglio essere governati dall’Intelligenza artificiale piuttosto che da un politico in carne e ossa. A pensarlo è il 59% degli italiani, una percentuale superiore alla media europea. Il dato emerge da una ricerca condotta dal Center for the Governance of Change dell’IE University di Segovia, in Spagna, su 11 Paesi attraverso interviste effettuate a 2.769 persone. Secondo la ricerca, se in Europa il 51% dei cittadini afferma di essere favorevole a un’opzione del genere, in Cina la percentuale sale addirittura al 75%. La ricerca spagnola mostra quindi il disamore dei cittadini verso la classe dirigente. Ma non tutti i Paesi sono d’accordo con l’AI in parlamento

In Spagna il 66% è d’accordo, nel Regno Unito il 69% è contrario

La ricerca conferma i risultati di uno studio condotto sempre dall’ateneo spagnolo un paio di anni fa a livello aziendale. Dallo studio precedente era infatti emerso che i dipendenti avrebbero preferito un algoritmo rispetto a un manager “vero”. In ogni caso, a livello europeo la percentuale più alta di persone che oggi preferirebbe un algoritmo a un politico è in Spagna (66%), ma non tutti sono d’accordo. Nel Regno Unito, ad esempio, il 69% delle persone intervistate è contrario alla sostituzione dei parlamentari con l’Intelligenza artificiale, così come il 56% degli olandesi e il 54% dei tedeschi. E a essere contrario è anche il 60% degli statunitensi.

I più giovani sono più aperti “ai robot” in parlamento

Le opinioni variano anche a seconda delle fasce di età. I più giovani sono infatti i più aperti all’ipotesi dell’Intelligenza artificiale in Parlamento, più in particolare, la pensa così oltre il 60% degli europei di 25-34 anni e il 56% degli europei di 34-44 anni, mentre gli over 55 in generale sono più spesso contrari. Inoltre, il 72% dello stesso campione è anche favorevole al voto elettronico, magari tramite app sul proprio smartphone (64% dei britannici).

Il risultato di anni di perdita di fiducia nella democrazia come forma di governo

Questi risultati sono il prodotto di “anni di perdita di fiducia nella democrazia come forma di governo – commenta Oscar Jonsson, direttore accademico del Center for the Governance of Change e tra i principali autori dello studio -. La percezione di tutti, riporta Ansa, è che la politica stia peggiorando e ovviamente ai politici vengono attribuite le colpe, quindi penso che il rapporto catturi lo spirito del tempo”. I motivi di scetticismo, secondo i ricercatori sono legati alla crescente polarizzazione politica e alle bolle informative, ovvero, la personalizzazione dei risultati delle ricerche sui siti in base al comportamento dell’utente.

FSE e Telemedicina, tante opportunità ancora da cogliere

L’importanza dei canali digitali per ricercare informazioni sanitarie, e l’accelerazione imposta dalla pandemia e dall’evoluzione normativa, hanno aumentato anche l’interesse e l’impiego di applicazioni di Telemedicina da parte dei medici. Inoltre, la gestione e la valorizzazione dei dati in Sanità è una delle priorità indicate dal PNRR, anche se le potenzialità del principale asset per la raccolta dei dati dei pazienti, il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE), sono ancora da cogliere. I Fascicoli, seppur attivati per quasi tutta la popolazione italiana, sono spesso incompleti, privi delle informazioni e dei documenti più utili a medici e pazienti e ancora poco conosciuti e utilizzati dagli italiani.

Pazienti e medici più “connessi” dopo il Covid

Si tratta di alcune evidenze emerse dalla ricerca dell’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità della School of Management del Politecnico di Milano. Con l’emergenza sanitaria è cresciuto rapidamente l’impiego di piattaforme di collaborazione da parte dei medici di medicina generale (54% contro il 12% di prima della crisi Covid), dei medici specialisti (70% contro il 30% in precedenza) e dei pazienti (30% contro l’11%). Tra gli strumenti digitali che possono essere utilizzati nel sistema sanitario anche le app per la salute possono essere un valido supporto nelle fasi di prevenzione, cura e follow up. Particolarmente apprezzate dai pazienti, utilizzando le app sono più consapevoli della propria patologia e del proprio stato di salute in generale (46%), e li aiutano a rispettare il proprio piano di cura (42%).

“La Telemedicina è entrata finalmente nell’agenda dei decisori politici”

“La Telemedicina è entrata finalmente nell’agenda dei decisori politici – afferma Chiara Sgarbossa, Direttrice dell’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità -. Se prima dell’emergenza il livello di utilizzo superava di poco il 10%, durante l’emergenza è triplicato, superando il 30% per molte applicazioni”.
Il servizio di Telemedicina più utilizzato è il Tele-consulto con medici specialisti, che attira anche l’interesse in prospettiva di 8 medici su 10, seguito dalla Tele-visita e il Tele-monitoraggio. Si tratta però di servizi ancora poco usati dai pazienti, non tanto per mancanza di interesse ma a causa di un’offerta ancora limitata.

Risparmiare 48 milioni di ore sprecate in spostamenti evitabili

La telefonata o la videochiamata di controllo con il medico sono ancora le modalità più utilizzate per il monitoraggio a distanza dello stato di salute (23%), ed è ancora marginale l’uso di servizi di Telemedicina strutturati, come la Tele-visita con lo specialista (8%), la Tele-riabilitazione (6%), il Tele-monitoraggio dei parametri clinici (4%). Considerando le stime dei medici specialisti sulle visite remotizzabili (20%) e i soli pazienti con patologie croniche (24 milioni in Italia), l’Osservatorio ha stimato che grazie al potenziamento dei servizi di Telemedicina sarebbe possibile risparmiare 48 milioni di ore sprecate a oggi in spostamenti evitabili. Un dato che sale a quota 66 milioni di ore se si considera che il 35% dei pazienti viene accompagnato dal medico da un caregiver.